“Mi ha mangiato il letto”. Incinta di 7 mesi, vive con i figli in mezzo alla muffa

Charley Lucas, di Keresley, Coventry è incinta di sette mesi e dovrebbe essere al settimo cielo per l’arrivo del suo bebè. Ma Charley ormai da anni sta vivendo una specie di incubo: l’appartamento in cui vive, da anni, è completamente pieno di muffa. La situazione è gravissima: la muffa ha talmente invaso la sua casa che ha persino rotto il suo letto e fatto ammalare i suoi bambini. “Sono frustrata e stanca – ha raccontato la donna al Sun – sono arrivata a un punto di non ritorno e non so davvero più cosa fare”.

Charley si è accorto della muffa nel giugno del 2017 e ha riferito tutto al consorzio Whitefriars che si occupa degli alloggi popolari ma nulla è stato fatto. “Dopo aver riferito tutto al consorzio, la situazione è degenerata: il mio letto è crollato e ho capito che qualcosa di grosso stava succedendo. Ho di nuovo contattato il consorzio ma nessuno mi ha dato ascolto. Ho fatto i lavori a mie spese”. 

Una situazione ormai insostenibile: “I vestiti dei miei figli sono sempre umidi e loro si ammalano sempre. Inoltre sono incinta e non mi sembra giusto dover vivere in questo modo: è allucinante”. La muffa ha ricoperto le pareti di casa di Charley e le ha rovinato tanti mobili e oggetti che tiene dentro casa. Sta facendo tutto da sola, visto che nessuno la aiuta. Ma siccome ci tiene alla salute e a quella dei suoi figli, si è messa a strofinare le pareti di casa con la candeggina. 

Certo, per lei non è facile. Ed è pericoloso, per una donna incinta, respirare la candeggina… “Non posso muovermi perché non ho nessun altro posto dove andare e mi hanno detto che non sono disposti a spostarmi perché dicono che la casa sia ancora abitabile. Dicono di aver fatto delle cose per risolvere la mia situazione ma non è vero e io sono disperata”. Le foto sono terrificanti. Davvero.

 

Il consorzio come si difende? Dicono che il loro personale è stato maltrattato da Charley e dal marito. Sarebbe successo durante un controllo dell’appartamento. Un portavoce di Whitefriars Housing ha dichiarato: “Abbiamo accettato di completare il lavoro per cercare di risolvere i problemi della signora Lucas. Non si tratta di problemi gravi e non riteniamo opportuno spostarla mentre i lavori saranno ultimati”. Vi pare normale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *