Fotocamera smartphone

La fotocamera sta diventando la componente più preziosa di ogni smartphone e tablet. I modelli più recenti ne hanno ormai almeno un paio, con luminose lenti zoom e sensori potenti che consentono di realizzare fotografie che hanno poco da invidiare anche a quelle delle migliori macchine fotografiche. In realtà la fotocamera dello smartphone non serve solo per catturare immagini: è una vera finestra sul mondo, in quanto permette di rilevare dati che, una volta elaborati dalle app e dal sistema operativo, forniranno informazioni utili per la vita di tutti i giorni. Oltre l’immagine Ogni volta che facciamo tap sullo schermo per fare una fotografia, non facciamo altro che catturare delle informazioni che poi vengono elaborate dal sensore dello smartphone e trasformate in un’immagine.

Questi stessi dati però possono venire utilizzati da altre app o anche da altri computer, persino dislocati lontanissimo da noi, per fornire informazioni preziose. È questo il caso di Google Traduttore, una delle app Google più usate in assoluto, in quanto permette di tradurre in oltre 100 lingue parole che potremo inserire con la tastiera integrata, registrare con il microfono o per l’appunto riprendere con la fotocamera. La traduzione non avviene nello smartphone ma nei computer di Google all’interno dei data center, che spesso si trovano dall’altra parte del mondo. Per questo motivo è indispensabile avere una connessione Internet attiva, anche se poi i dati che vengono trasferiti sono veramente pochi, come dimostra la velocità quasi istantanea con cui riceviamo una risposta. L’unico limite, che comunque a nostro parere verrà presto superato, è che quando carichiamo un’immagine dovremo essere noi a indicare a Google la lingua del testo che abbiamo fotografato. Evidentemente tra coreano e giapponese i computer ancora si confondono…

Scanner tascabile Il classico scanner non è altro che un sensore fotografico in grado di catturare e riprodurre qualsiasi documento. Per questo motivo non ci sono particolari problemi a usare il sensore della fotocamera dello smartphone, che oltretutto in molti casi è estremamente potente. Naturalmente servirà un’app la cui funzione sarà quella di gestire il contenuto e renderlo visibile nel modo migliore come contrasto e colori. Negli store ci sono molte app scanner, a noi piace particolarmente Tiny Scanner che è disponibile gratuitamente sia per gli smartphone Android che per quelli iPhone e consente di impostare in automatico le dimensioni del documento da catturare, per poi salvarlo in formato immagine JPG oppure PDF. Se così per esempio ci hanno chiesto la scansione della carta di identità, non dovremo fare altro che inquadrarla dall’app, scattare e quindi ritagliarla usando i quattro cursori presenti sullo schermo. Una volta sistemate le dimensioni, dovremo scegliere colore e contrasto e potremo condividerla per posta elettronica, WhatsApp o anche sulla cloud di DropBox o Google Drive. Avendo a disposizione pure una stampante Wi-Fi, potremo stampare direttamente. Se poi vogliamo sfruttare l’OCR, cioè il sistema di riconoscimento del testo, consigliamo CamScanner che richiede un piccolo pagamento di 2,09 € per la versione completa.

Lettore codice a barre Tutti i prodotti in vendita nei negozi sono identificati da un codice a barre che può essere letto facilmente da una qualsiasi fotocamera e quindi elaborato da app differenti. E a questo punto le possibilità diventano veramente infinite. Ci sono molti siti che confrontano i prezzi di uno stesso prodotto in modo da farci capire se stiamo facendo un affare o meno. Tra i tanti portali uno dei più diffusi a livello internazionale è Pagomeno, www.pagomeno. it di cui esiste un’app gratuita per Android e iPhone. Utilizzare l’app è semplicissimo, servirà solo avere una connessione Internet attiva e inquadrare il codice a barre del prodotto che ci interessa, il consumo di dati per ottenere le informazioni è veramente minimo. Se il prodotto di cui vogliamo il prezzo è presente nel database verranno visualizzati, oltre ai diversi prezzi, anche i rispettivi siti Internet con tanto di collegamento per l’acquisto diretto.

Inutile dire che sempre più spesso capita di provare un prodotto o un capo di abbigliamento in negozio per poi decidere di acquistarlo online a un prezzo scontato, il tutto magari direttamente dal camerino di prova. Indubbiamente questo sistema non favorisce i negozianti, che sono perciò obbligati a tenere i prezzi bassi se vogliono restare competitivi. Ma la lettura dei codici a barre non si ferma al prezzo: Vivino per esempio, oltre a essere un’app scaricabile gratuitamente per Android e iPhone, è una vera community internazionale di appassionati di vino. Per cui è vero che inquadrando l’etichetta sapremo se la bottiglia che ci interessa la stiamo pagando troppo, ma allo stesso tempo potremo leggere i pareri di chi l’ha già provata e avere suggerimenti su bottiglie simili ed eventuali abbinamenti gastronomici. Realtà aumentata Uno degli utilizzi più spettacolari della fotocamera dello smartphone, anche se ancora poco sfruttato, è la cosiddetta Realtà aumentata. Si tratta in pratica di arricchire le immagini che vengono catturate con informazioni e oggetti che verranno inseriti in un secondo tempo.

Classico il caso dell’app Ikea Place (disponibile per Android e iPhone) che permette di simulare l’inserimento di mobili del produttore svedese negli ambienti di casa nostra, che nel frattempo avremo fotografato con l’app. Il principio della realtà aumentata non vale solo per i mobili: un’app come Inkhunter (disponibile per Android e iPhone) ci consente di vedere in anteprima come staremmo con un tatuaggio sul braccio o su una gamba. Anche Google ha realizzato una propria app di realtà aumentata, si tratta di Google Lens, che permette di avere informazioni in più su oggetti, edifici e in generale tutto quello che stiamo inquadrando. Purtroppo è un’app ancora acerba visto che teoricamente dovrebbe essere in grado di riconoscere milioni di oggetti diversi, ma grazie al continuo feedback fornito dalle persone che la usano, è destinata a diventare sempre più precisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *