Modalità aereo film – Recensione e Streaming

Un primo tempo che gioca con i telefonini come Perfetti sconosciuti con gag «telefonate » anche in senso stretto, il secondo torna al tema cult di Fausto Brizzi dei ricchi e poveri, diventa buonista all’americana, siamo tutti uno peggio dell’altro, restano sogni formato video. Come Una poltrona per due, Modalità aereo (scritto con Paolo Ruffini) insegna che i soldi sono pura convenzione, che i parenti sono comunque serpenti, che la vita non è meravigliosa ma che alla fine si trova comunque l’intesa (tipo il governo in carica). Ruffini è meglio di sempre, è l’odioso manager razzista che vive con i conti alle Cayman e lo smartphone infisso all’orecchio: quando lo perde nella toilette vip dell’aeroporto, due inservienti poveracci lo rubano e si godono, una app oggi una domani, una vita da ricchi. È la ricchezza trash come mostrano i programmi tv di gossip, massaggi, feste orrende e volgari, max un giro di valzer con Sabrina Salerno. Ma per il manager le cose si complicano, ci sono industriali perfidi e Brizzi si permette una ventata di volgarità con l’arrivo dei cinesi ricchi derisi per il pene piccolo (accusa che un nostro elegante politico ha fatto a Macron, quindi tutto torna). Il film si agita nella farsa ma non è una sit com per bambini, ha un certo ritmo, il cast funziona, Lillo è in forma, Caterina Guzzanti diverte; evidente nel finale che Brizzi, reduce da un colata di accuse, mette ad hoc una battuta sui social non puramente casuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *