Pensioni ultima ora: Quota 100, scaricare la Gazzetta Ufficiale in pdf

È stato fatto un passo importante sul fronte pensioni, con la pubblicazione del decreto che contiene Quota 100 e pensione di cittadinanza in Gazzetta ufficiale. La fase uno è conclusa e adesso l’attesa è tutta per la circolare attuativa, che dovrebbe uscire a breve e che includerà tutte le informazioni e i dettagli sulla domanda per fare Quota 100, sul raggiungimento dei requisiti, e sul montante dei contributi permessi. Insomma, in poche parole, sulle modalità di accesso a una delle misure più attese da chi ha raggiunto (o raggiungerà a breve) 62 anni di età e 38 anni di requisiti.

Pensioni ultime notizie: decreto firmato da Mattarella, cosa contiene

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dunque firmato il decreto, altro passo necessario che precede la pubblicazione in Gazzetta. Si ricorda che l’entrata in vigore delle misure contenute nel decreto è per il giorno successivo la pubblicazione. Adesso cosa succederà? Inizierà la procedura parlamentare finalizzata alla legge di conversione. Si avranno 60 giorni di tempo e potrebbero esserci anche delle eventuali modifiche in sede di Camera e Senato.

Il decreto (DL n. 4/2019) contiene le principali misure attuate dal governo giallo-verde in materia di pensioni e di prestazioni di sostegno al reddito. Troviamo dunque, oltre a Quota 100, le seguenti misure.

  • Reddito e pensione di cittadinanza;
  • Aspettativa di vita pensione anticipata: 42 anni e 10 mesi per gli uomini, 1 anno in meno per le donne, ma con finestra trimestrale;
  • Opzione Donna: prorogata al 31 dicembre 2019;
  • Ape Sociale: prorogata al 31 dicembre 2019;
  • Pensione anticipata precoci: requisito resta di 41 anni di contributi, ma con finestra trimestrale;
  • Pace contributiva: riscatto laurea scontato;
  • Anticipo Tfs per i dipendenti statali.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 in Gazzetta, il pdf da scaricare

In attesa della circolare attuativa che conterrà le istruzioni e le modalità di accesso alle misure, vi lasciamo il testo del Decreto Legge n. 4 del 28 gennaio 2019 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 23. Ecco il pdf da scaricare.

Quota 100 penalizza il RdC per Boeri

Sulle pensioni ultime notizie riguardano le recenti critiche alla misura Quota 100, stavolta da parte del presidente dell’Inps Tito Boeri. Le ragioni di questi commenti sono da addursi soprattutto all’attuale componente demografica del Paese. Inoltre, di fronte alle 5.500 domande presentate nei primissimi giorni dopo la pubblicazione del decreto in Gazzetta, Boeri non si sorprende, affermando che è ancora troppo presto per parlare di boom.

Pensioni ultime notizie: domande Quota 100, il commento di Boeri

Il presidente dell’Inps era presente al Forum delle politiche sociali a Milano. Come riportato dall’Agenzia Vista, a margine del convegno c’erano numerosi giornalisti, che non hanno mancato di fargli diverse domande, soprattutto su Quota 100 e sugli ultimi sviluppi della misura. “Ieri alle 19 eravamo a 5.500 domande”, ha detto Boeri. “Di cui circa il 40% direttamente all’Inps, ovvero non attraverso i Patronati. Questo è significativo perché segnala anche che l’Inps in questi anni ha recuperato un rapporto con i cittadini, che non necessariamente passa attraverso gli intermediari”.

Con questi numeri si può parlare di boom? “Le stime allegate alla relazione tecnica del Governo parlano di circa 1000 domande al giorno che dovrebbero arrivare nel corso del 2019. Perciò nei primi 2 giorni siamo al di sopra di questo numero, ma siamo solo all’inizio”. Tuttavia per Boeri ci sono ancora alcune incertezze attorno alla misura, in particolare riguardo al finanziamento della stessa. “Penso che sia legittimo aspettarsi che nei primi giorni ci sia un maggior numero di domande. Mi sembra presto per dire che c’è stato un boom di domande, o un numero superiore alle aspettative. In realtà io penso abbastanza in linea con quanto ci si potesse aspettare”.

Pensioni ultime notizie: Boeri su Quota 100 e reddito di cittadinanza

Ma Boeri non ha parlato solo di domande e di aspettative, ma anche della misura in sé. “La scelta del governo di puntare all’aumento dei pensionati come obiettivo strategico è in direzione opposta dell’attuale andamento demografico”. La conseguenza? “Mettere un fardello pesante sulle spalle dei lavoratori”. Ma non solo. Quota 100 potrebbe andare anche a “dare fastidio” al reddito di cittadinanza. “Il rischio è di spiazzare le misure di contrasto alla povertà che non sono ancora finanziate, se non con le clausole di solidarietà (2 punti del Pil)”. Insomma, c’è bisogno di risorse se la resa strutturale della misura è l’obiettivo ultimo. Il rischio finale è “che le pensioni sottraggano le risorse al reddito di cittadinanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *